Il mattino ha l’oro in bocca (e le polpette nel forno)

POLPETTE DI QUINOA, SPINACI E TACCHINO

DSC_0077

English below
Se dopo un fine settimana passato in pieno relax, accumulando un numero di ore di sonno più numerose di quelle sommate nei giorni della settimana, gironzolando – solo a pioggia e vento finiti – per fotografare rami e fiori con i piedi inzaccherati nel terreno fangoso, riuscendo nonostante la pigrizia ad annoverare un libro in più sulla mensola della cucina (ormai curva) ed un piatto in più…dove non so, non ho ancora trovato un posto, dicevo, se dopo un fine settimana così anche il lunedi il cervello è intorpidito e la fantasia langue di brutto, non ci si può stupire se risvegliandosi il martedi mattina dopo il giusto numero di ore di sonno (mai superiore a 5), si abbia voglia di cucinare anzichè filare al lavoro.

Voglia di cucinare si, ma mica cose serie come un vero primo, un vero secondo, no……meglio una di quelle cose che non si sa se è primo, secondo, antipasto o il sempresialodato fingerfood, che giusto per confermare l’indecisione in questo caso contiene verdura, carne e carboidrati: sotto forma di polpette, stavolta quasi light, visto che sono fatte al forno. Forno. Forno. Forno. Il mio forno come avevo accennato è in via di riparazione, e mi sa che non è una via cortissima.

Anche se cerco di rimuovere la cosa (e ci riesco benissimo, infatti un giorno si ed un giorno no mi trovo ad impastare per poi rendermi conto che non posso infornare una beneamata) questa è la situazione, per cui forza e coraggio, era da tanto che non lo facevo, queste le ho cotte nel microonde. Un microonde che per fare il paio col mangiafuoco orbo di una manopola (quella del termostato, of course), non colora la superficie neanche a pregarlo nella lingua d’origine, da qui l’aspetto un po’ “crudo” delle polpette, che però si sono rivelate davvero davvero buone. Occhio, hanno bisogno di una salsetta di accompagnamento, io ho usato la mia solita salsina allo yogurt, ma anche un semplicissimo sughetto di pomodorini andrà benissimo. Se poi vi vengono in mente altre salse di accompagnamento ditemelo, tanto io queste le rifaccio, eccome se le rifaccio 🙂

Ing: (2 o 3 persone, circa 14 polpette)

130 g di quinoa

100 g di carne di tacchino

60 g di spinaci lessati e strizzati molto bene

un cucchiaino di semi di coriandolo

un cucchiaino di scorza di limone tritata

Olio extravergine d’oliva

Pangrattato (se la ricetta deve essere senza glutine occorre pangrattato gluten free)

Tempo di preparazione: 45 minuti

Sciacquare la quinoa, scolarla (in un setaccio fine, o uscira’ tutta dai buchetti dello scolapasta) e cuocerla in acqua bollente per circa 10 minuti (i granellini devono aprirsi). Farla sgocciolare bene e versarla in una ciotola: aggiungere gli spinaci tritati, la carne tagliate in pezzettini molto piccoli (o tritata, ma meglio se tagliata al coltello), l’uovo, i semi di coriandolo tritati e la scorza di limone.
Salare e mescolare bene con una forchetta. Il mio impasto era morbido ma sufficientemente sostenuto per formare delle polpette che non dovessero essere fritte. In questo caso sarebbe stato necessario aggiungere del pangrattato per indurirlo un po’.
Ungere una teglia con poco olio: formare delle polpette con l’impasto, passarle nel pangrattato e poggiarle sulla teglia, ungerle con un giro d’olio. Cuocere a 180 gradi per 30 minuti (coprire con un po’ di stagnola per il preimo quarto d’ora). Al micro: Preriscaldare il piatto crisp per 3 minuti, poi ungerlo con un filo d’olio, poggiarvi le polpette, ungerle lievemente con un giro d’olio e cuocere in modalita’ crisp per 7 minuti.

Servire calde con un semplice sughetto di pomodorini e aglio o con una salsa allo yogurt come quella che trovate qui (la mia scelta, prevedibile 🙂 o anche quella semplicissima fatta mescolando yogurt e curry in polvere (vedi qui)

ILOVEPOLPETTE

Keftas al coriandolo

Polpette di lenticchie decorticate e curcuma
Polpettine di maiale e ricotta

QUINOA, SPINACH AND TURKEY MEATBALLS

DSC_0088

Ing: (2 or 3 servings, about 14 meatballs)
130 g quinoa
100 g of turkey meat
60 g of cooked spinach, squeezed very well
1 teaspoon of coriander seeds
a teaspoon of lemon zest, chopped

Extra virgin olive oil
Breadcrumbs

Preparation time: 45 minutes


Rinse quinoa, drain it in a fine sieve, and cook in boiling water for about 10 minutes (the grains should open). Drain it well and pour into a bowl: add the chopped spinach, the meat cut into very small pieces (or chopped with the mixer, but I prefer tu cut with the knife), the egg, crushed coriander seeds and lemon peel.

Add salt and stir well with a fork. My dough was soft but sufficiently “hard” to form some balls that should not be fried. In this case (frying) you will necessary add the breadcrumbs to harden a bit .

Grease a pan with a little oil: shape balls with the dough, pass them in the breadcrumbs and place them on the pan. Grease slightly the meatballs with some olive oil and bake at 180 degrees for 30 minutes (cover with an aluminium sheet for first 15 minutes).
In the micro: Preheat the crisp plate for 3 minutes, then grease it with a little oil, place the meatballs, grease them slightly with some olive oil and cook crisp mode for 7 minutes.

Serve hot with a simple sauce of tomatoes and garlic or with a yogurt sauce like the one you can find here (my choice) or even the simple one done mixing yogurt and curry powder (see here).

ILOVEPOLPETTE (MEATBALLS)

Decorticated red lentilsball with turmeric
Pork and ricotta meatballs

Print Friendly

32 Comments on “Il mattino ha l’oro in bocca (e le polpette nel forno)”

  1. Ah le polpette, mi sa che piacciono a tutti!
    La quinoa utilizzata così mi interessa: ci credi che ancora non l'ho mai provata?
    Mi segno la ricetta. Anche se, per ovvi motivi di fornitura della mia cucina, opterò per la cottura nel forno classico 🙂
    Buona giornata,

    wenny

  2. Di quinoa ne ho da vendere…dal Perù ne ho portata un sacco e di tutti i colori 🙂
    Stasera questa potrebbe essere la mia cena. Non ho capito la cottura? Se le voglio fare fritte devo farle più compatte?
    Grazie e baci
    Anna

  3. chissà che buone ciboulette!!! io il microonde non so manco come funziona, però anch'io le polpette le faccio sempre al forno, che si sa noi il fritto ce lo possiamo permettere forse due volte l'anno!

  4. la quinoa l'ho data ar gatto tempo fa, averlo saputo prima.
    senti maaaaa potrebbe adare bene del mangiare da canari…ehm…miglio decorticato?
    mio marito stavolta divorzia

  5. Per me sono davvero proprio invitanti queste polpettine, nulla a che inviadiare a quelle fritte o al forno, anzi la loro velocità di esecuzione me le rende proprio simpatiche! E poi la quinoa mi piace davvero tanto 😉
    Un bacione
    fra

  6. @Alem
    più che capolavoro direi una dignitosissima e sfiziosa cena! 🙂

    @Lydia
    faremo uno scambio equo…e solidale! :))

    @maia
    grazie, il micro tante volte è un'ancora di salvezza 🙂

    @Luciana
    grazie, contenta che ti piacciano :))

    @La cuoca Pasticciona
    risposto per altre vie!! :))

    @Virginia
    fingerfood pro nobis 😀

    @Gloria
    anche io avevo questo pacchetto aperto da tanto a rischio insettini, scioccamente poi, perchè i modi di prepararla sono tanti 🙂

    @manuela e silvia
    con quella salsina io davvero ci mangerei di tutto! Un bacio ragazze!

    @Wennycara
    e si, con le polpette è proprio “vincere facile” 😀
    Meglio, molto meglio il forno normale!

    @anna
    me lo ricordo adesso il tuo rifornimento di quinoa! Fantastico immaginarla in multicolor 🙂

    @Elena
    e cosa ci metti? dimmi, dimmi 🙂

    @Saretta
    ma ci credi che poi sento quasi il rimorso?? Mi passa subito però! Fatti questo regalo ogni tanto!!! Un bacione 🙂

    @dolci a …gogo!!!
    be' diciamo che il micro è una deroga alla “cucina che vorrei” che però in certe occasioni è un salvatempo (ed in questo caso unica possibilità) che dà risultati onorevoli 🙂

    @iana
    ma voi siete una famiglia virtuosissima! E quindi vai di forno 🙂

    @Giò
    spolvera, spolvera :))

    @enza
    cruda gliel'hai data, povero gatto?
    A occhio e croce direi che il miglio decorticato (ben sgocciolato) è ottimo sia per farci le polpette che per rischiare il divorzio. Oppure fai come me, le polpette le fai quando il marito non c'è (che nel mio caso è praticamente sempre 🙁 ) e le dai aduna cognata compiacente e tollerante 🙂

    @Fra
    brava, niente da invidiare, se non la superficie leggermente asciutta, ma la salsina e l'umidità interna sopperiscono benissimo 🙂

    @Diletta
    vedi, ad una popetta schizza l'autostima se la chiami fingerfood, e poi diventa superfiga. Da oggi chiamatemi Claudia Schiffer, please 😀
    Un sorriso che è una risata, i tuoi sorrisi mi fanno sganasciare 🙂

    @Lo
    sai che quando sono a casa di mia mamma mi prende male quando devo riscaldare qualcosa sul fornello? Poi per la cottura preferisco sempre il tradizionale, ma in emergenza si, è comodissimo!

  7. Queste polpettine mi incuriosiscono molto, mai provate con la quinoa e gli spinaci. La consistenza così morbida è davvero invitante, chè troppo compatte non mi garbano proprio. Per la salsa opto per aglio e pomodoro, un classico sempre all'altezza della situazione. E brava Cibou, as always 🙂

  8. No, io prima di andare a lavoro non avrei mai il tempo di preparare delle polpette…però la sera una volta tornata a casa sìììì! A me sembrano ottime sia come finger food da aperitivo, sia come secondo! In ogni caso, buoneee!

    Ciaoooo!

  9. Che buona la Quinoa 😉
    Le ho sempre preparate senza carne,solo con verdure e visto che devo assoltuamente mangiare carne bianca e adoro la Quinoa..Che dici una scofanata basterà? ;-))

  10. Ottima l'idea delle polpette con la quinoa! Mi piace lo scaffale curvo, sotto il peso di un altro libro. Sembra la mia vita. Compro libri di cucina e non, e lo spazio per riporli si assottiglia sempre più!
    Buona giornata Giovanna

  11. @Luca and Sabrina
    un bacio anche a voi 🙂

    Marilì di GustoShop
    Da cotte in realta' non erano molto morbide, ma abbastanza umide. Cuocendole una 'nticchia di meno sarebbero rimaste piu' morbide, sicuramente.

    @Aiuolik
    Un mio collega l'altro giorno mi chiede come mai mi sveglio prestissimo e poi arrivo al lavoro al limite dell'orario….. :))

    @Lory
    se ti dico che non riuscivo a fermarmi e ne ho mangiate davvero un sacco mi credi?? Cheffa avvisata….. :))

    @Giovanna
    Solo che ci vorrebbe un'altra vita anche per leggerli tutti con calma questi libri 🙂
    Ciao!

  12. @Fico e uva
    le polpette sono una buona soluzione per consumare la quinoa, ma se non l'avete mai usata direi di cominciare con un'insalata, o una minestra, insomma, qualcosa che ve la faccia apprezzare appieno! Ciao :))

    @Angela
    figurati, era sconosciuta anche per me fino ad un paio d'anni fa :O)

    @Terry
    allora vai con la quinoa! 🙂

  13. Questa ricetta sembra delizioso. Non ho mai provato la quinoa, è facile da trovare nel supermercato? C'è un diverso tipo di carne che funziona bene per questo piatto? Non mi piace il tacchino, ma le immagini possono provare questa ricetta con il tacchino. Mi piace che questo piatto è semplice e veloce. C'è un contorno che si consiglia di effettuare complimentarmi con le polpette? Io penso di cucinare questo per la mia prossima cena con invitati. Grazie e buona serata!

  14. Kevin,
    un altro tipo di carne bianca, come il pollo, ad esempio, andrà benissimo, e forse anche il maiale. Il manzo forse sarebbe troppo preponderante come sapore, a meno che non usi un vitello molto giovane..ma secondo me ti piacerà anche il tacchino 🙂

    Un'insalata mista o delel verdure grigliate sono senza dubbio il migliore contorno. Grazie a te, ciao!

Rispondi a dolci a ...gogo!!! Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *