I cannelloni di carne (à la mode de chez-nous)

Cannelloni

I cannelloni con la carne sono uno dei cavalli di battaglia pezzi forti (scusate, ma proprio oggi dovevo usare i cavalli come metafora…. 😀  ) dei pranzi domenicali di mia madre, uno dei miei preferiti, ed anche uno dei preferiti del marito, a dirla tutta. Anche per me che non amo assolutamente i ripieni di carne (leggi panzerotti e calzone), questo ha una morbidezza e un sapore “di casa” a cui è difficile resistere.

Ora, mia madre cucina un sacco di cose buone, ma la pasta fatta in casa non è mai stata in cima alle sue priorità, mettiamola così, per cui i suoi cannelloni sono fatti con quelli già belli e pronti da riempire, e cotti con una salsa abbastanza liquida da consentirne la cottura in forno.

Avendo il tempo (o prendendoselo!) è una gran bella soddisfazione farli in casa, oltre al gusto e alla consistenza, che ovviamente non sono paragonabili: io ho cotto i quadrati di sfoglia la mattina stessa, ma credo che potrebbero essere tranquillamente preparate con un giorno d’anticipo.

Unico, grosso problema, che si ripresenta anche con le lasagne: ma come cavolo si fa a non ustionarsi le dita quando si scolano i quadrati di pasta dall’acqua bollente e si devono distendere sul canovaccio?

Si mettono protesi ignifughe sui polpastrelli?

Si usa la telecinesi “vi ordino con la forza del pensiero di uscire dall’acqua bollente e distendervi sul telo come bagnanti sotto il sole d’agosto”?

O meglio la gentilezza “su, care, non potreste cortesemente intiepidirvi seduta stante in modo che non abbia a imprecare come uno scaricatore di porto nel mentre che vi adagio sul telo”?

Se avete una risposta ditemelo, vi prego. Io in cambio vi scrivo la ricetta dei cannelloni della mamma, chiesta ovviamente al telefono ieri mattina, perchè non me la ricordavo più.

UPDATE!!! Su FB due amici, Angelica e Fabrizio, mi vengono in aiuto sulla questione, consigliandomi di gettare i quadrati di sfoglia in acqua e ghiaccio dopo averli presi con la schiumarola, in modo che si blocchi anche la cottura. Grazie grazie grazie, lo farobbi 🙂

Ing, per 4 persone

Per i cannelloni

150 g di semola di grano duro

Un uovo

Acqua Q, B, sale

Per il ripieno

350 g di carne macinata

70 g di mozzarella fiordilatte a dadini

70 g di prosciutto cotto tritato

1 uovo

1-2 cucchiai di Parmigiano Reggiano grattugiato

Mollica di mezzo panino o pangrattato

Latte q.b.

noce moscata, sale.

Per la salsa di pomodoro: mezza cipolla, una lattina di pomodori pelati (o, se è estate, meglio usare i pomodori freschi), olio, sale (e, sempre se è estate, basilico).

Preparate l’impasto con la semola, l’uovo, e, se necessaria, acqua calda. Lavorate a lungo per ottenere un impasto liscio e non appiccicoso, formate una palla, avvolgete nella pellicola e fate riposare per mezz’ora almeno.

Preparate un sugo di semplice di pomodoro (anche detto tutto insieme): mettete in una casseruola la cipolla tagliate in 2-3 pezzi, i pelati spappolati, 2 cucchiai di olio extravergine, sale, aggiungete mezzo bicchiere di acqua e fate cuocere a fuoco medio per 20 minuti, poi frullate con il frullatore a immersione (se preferite, prima eliminate la cipolla).

Per il ripieno: in una padella fate riscaldare un filo d’olio, poi aggiungete la carne e fatela rosolare mescolando spesso: quando è praticamente cotta aggiungete l’uovo e mescolate in modo che si distribuisca uniformemente e si rapprenda.

In una ciotola mettete la mollica sbriciolata o 5-6 cucchiai di pane grattugiato: aggiungete abbastanza latte e mescolate in modo da ottenere una cremina.  Aggiungete la carne, la mozzarella a dadini, il prosciutto cotto tritato, una grattatina di noce moscata, il Parmigiano, aggiustate di sale, e mescolate bene. Se l’impasto non fosse abbastanza morbido e m”malelabile” aggiungete ancora un po’ di latte. A questo punto trattenetevi dal mangiare il ripieno a cucchiaiate.

 Preparate ora le sfoglie come preferite: io ho diviso l’impasto in tre parti e, una per volta,  le ho stese con il matterello infarinando abbondantemente con la semola la spianatoia, e ottenendo delle sfoglie sottili, da cui ricavare quadrati di circa 12×12 cm, che ho adagiato su un canovaccio spolverizzato di semola.

Preparatevi dei vassoi coperti con dei canovacci per stendervi le sfoglie cotte, poi cuocetele poche per volta in acqua bollente salata a cui avrete aggiunto un cucchiaio di olio(al massimo per 1 minuto), sgocciolatele con una schiumarola e distendetele sul telo, nel miglior modo che trovate per non scottarvi.

Accendete il forno a 200°.

Mettete un cucchiaio colmo di ripieno al centro di ogni quadrato (distribuendolo per il lungo), arrotolate e sistemateli in una teglia su cui avrete prima distribuito un po’ di salsa di pomodoro.

Ricoprire i cannelloni con la salsa di pomodoro, spolverizzare con Parmigiano grattugiato e cuocete in forno per 15′, più altri 10′ solo con il grill. Se vi piace potete usare anche della besciamella insieme al sugo di pomodoro. io ho preferito tenerli “leggeri”!

 

Print Friendly

2 Comments on “I cannelloni di carne (à la mode de chez-nous)”

  1. Mi hai fatto piegare in due col cavallo di battaglia 🙂
    Io amo la pasta ripiena, le lasagne, cannelloni e chi più ne ha più ne metta, ma sono troppo pigra per farla. Qui poi non trovo la sfoglia pronta per le lasagne, quella sottile e fresca intendo, ma solo quella secca e di quella non mi sono mai fidata. Mi ricorderò comunque del trucco per non ustionarsi, anche se la mia cucina è talmente piccola che non saprei dove mettere anche la scodella col ghiaccio 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *