Cocoa & chocolate

DSC_0067
Ma cosa vi pubblico? Una pandispagna semplice con una “semplice” crema di cioccolato?

Yes sirs, però il semplice pandispagna mi fa piacere pubblicarlo perchè dall’ultimo che è apparso su questo blog è cambiata una cosa fondamentale: ormai da tempo ho imparato a non usare il lievito per dolci, ma a incorporare l’aria necessaria montando la massa molto a lungo, fino a quando “scrive”: finalmente dite? Può sembrare buffo, ma ho fatto i primi pandispagna da ragazzina, con la ricetta di mia madre che prevedeva la scorciatoia del lievito (come molte ricette casalinghe, nevvero), e quando ho imparato che nel vero pandispagna il lievito con doveva assolutamente entrarci ho continuato a lungo ad usarlo, perchè temevo sempre di fallire.  Buffo magari, ma è così.

Il bello è che la prima volta che mi sono lanciata conla ricetta classica, sono rimasta veramente stupita del risultato, di come il sapore e la sofficità ne guadagnassero rispetto alla versione “fast”: pazienza ce ne vuole, soprattutto se non avete uno sbattitore che sta in piedi da sè e che può lavorare mentre voi fate altro, ma ne vale la pena. Magari prendete un libro che riuscite a sfogliare con una mano, e con l’altra mantenete lo sbattitore: ditemi che non avete bisogno ogni tanto di una scusa per fermarvi a leggere? Io sì!

Se volete approfondire l’argomento vi rimando a questo bel post di Paola di Ammodomio, vi toglierà ogni dubbio residuo.

Come ogni torta di compleanno che si rispetti (eh si, era una torta di compleanno, per un bambino grande), era farcita con la crema al cioccolato: un incrocio tra una pasticciera al cioccolato e una ganache, viene dal blog della sempre bravissima Pinella, che ha sua volta ha usato una ricetta di Iginio Massari, modificandola leggermente. Io l’ho semplificata e alleggerita a mia volta (riducendo il burro e i tuorli), perchè va bene il peccato di gola, ma senza sentirsi in colpa per un mese. La pasta di nocciole l’avrei messa volentieri invece, ma non l’avevo, mi toccherà fare il sacrificio di prepararla un’altra volta. Anche perchè questa potrebbe diventare LA crema al cioccolato per noi 🙂

Anzi, da Pinella in realtà ho preso anche l’idea di fare il pandispagna al cioccolato, visto che vagavo da un giorno in cerca della torta perfetta, dove nel concetto di perfezione ci faccio entrare il limite temporale e quello di complessita consentito da una giornata di normale tran-tran.

Il risultato è così goloso e semplice che ne ho già parlato fin troppo! Ecco la ricetta 🙂

DSC_0064
 TORTA CACAO E CIOCCOLATO

 

Pandispagna al cacao

4 uova

170 g di zucchero

145 g di farina

25 g di cacao amaro

 

Crema al cioccolato (QUI l’originale, che prevede anche la pasta di nocciole)

250 g di cioccolato fondente

250 ml di latte intero

2 tuorli

50 g di zucchero

20 g di amido di mais

30 g di burro

Granella di nocciole per finire

Preparate la crema

Sciogliere il cioccolato spezzettato a bagnomaria o nel microonde (io ho usato il microonde). Fate bollire il latte. nel frattempo sbattete (senza montarli) i tuorli con lo zucchero, poi aggiungete l’amido (o gli amidi) e mescolate bene. Aggiungete ora il latte incorporandolo poco per volta emescolando, poi mettete sul fuoco e cuocete la crema: io l’ho portata a bollore mescolando e poi ho spento. Aggiungete il cioccolato fuso alla crema e mescolate. Se usate anche la pasta di nocciole aggiungetela ora, mescolate, fate raffreddare e poi riponete in frigo (o abbattete subito la temperatura immergendo la casseruola in acqua e ghiaccio (cosa? avete l’abbattitore? ah, ma allora…. 🙂

Una volta ben fredda, montate la crema con la frusta elettrica.

Preparate il pandispagna:

Preriscaldare il forno a 180°. Montate le uova con lo zucchero a lungo, molto a lungo, almeno 20 minuti. Il composto deve diventare molto spumoso e triplicare il volume: per capire se ha incorporato abbastanza aria, provate a “scrivere” facendolo cadere dalla frusta, i nastri devono restare in superfice per qualche secondo.

Setacciate la farina insieme al cacao e aggiungetela poco per volta al composto di uova, mescolando delicatamente con una spatola dall’alto verso il basso per evitare che si smonti. Ungere e infarinare una teglia di 22 cm di diametro, versarvi il composto e infornare.  Deve cuocere per circa 30′, fate la prova stecchino non prima che siano trascorsi almeno 20′.

Sformare e lasciar raffreddare su una gratella.

Io ho ritagliato il pandispagna riducendolo di diametro di un paio di cm: con i ritagli ci faremo colazione, e in questo modo ho bisogno di meno crema per la farcitura. Se siete più di 5-6 pesone lasciate la torta intera e raddoppiate la dose di crema.

A questo punto non resta che tagliare in due il pandispagna, bagnarlo con quello che volete voi (io ho usato solo latte, ma se non avete frugoli mangiatori di torte potete usare una bagna a base di rhum, o Bayles,  di Strega, o di liquore al caffè) e farcirlo con la crema. Con la crema restante e un po’ di granella di nocciola potete rifinire la torta.

 

 

 

 

Print Friendly

4 Comments on “Cocoa & chocolate”

  1. Cibou, sai che l’estate della maturità ero diventata la regina del pandispagna?!Facevo delle torte bellissime farcite:)E zero lievito, solo frustine 🙂
    DEtto ciò mi hai fatto tornare indietro di anni e, credo lo rifrò alla mia family una domenica, perchè è un dolce che amo molto.
    Un bacione
    Sara

  2. ma che é m’hai letta nel pensiero? si avvicinano miriadi di compleanni in casa mia e volevo proprio una ricetta di pandispagna al ciocc. Magnifico é e te lo copio per Vittorio che comincia presto la serie!!!!
    Un’abbraccio ed auguri al bambino grande che mi pare di aver conosciuto no?

Rispondi a Reb Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *