Cime di rapa stufate

cime di rapa evidenza

Quasi sette anni di blog, e mai pubblicata la ricetta delle cime di rapa stufate. Sì, spesso penso che il rischio che mi venga tolta la cittadinanza barese è sempre più vicino, nonostante nelle mie brevi incursioni nella mia città io  sottoponga il mio fegato a impegnative sessioni di lavoro a base di focaccia, fritturine di pesce, cannelloni della mamma.

Che poi, se vogliamo questa è una ricetta non ricetta, che ha essenzialmente il suo segreto solo ed esclusivamente in due elementi:

1) Dovete usare le cime di rapa. Quelle con le cime, che sembrano piccoli broccoletti in mezzo alle foglie. No friarielli (buoni, ma sono proprio un’altra cosa, se trovate le cimette nei friarielli sono ingiallite e amare, lì ciò che conta sono le foglie), no neanche i broccoletti di rapa che si trovano spesso qui a Roma, per dire, e che magari appartengono anche alla famiglia, ma hanno praticamente tutte foglie, e nessuna cimetta.

Ecco, una delle discussioni più accese che può capitare ancora oggi tra i miei genitori riguarda prorprio la qualità delle cime di rapa che mio padre porta a casa dal mercato, se non sono adeguatamente provviste di cimette (mamma: ma cosa me ne devo fare di queste cime di rapa che sono solo foglie!!!).

2) NON aggiungete acqua nella pentola. Anche se temete che tutto si brucerà, se non riuscite a resistere all’impulso, legatevi le mani, e non aggiungete altra acqua che non sia quella che resta sulla verdura dopo averla lavata e scolata. Tra le goccioline rimaste dal lavaggio e l’acqua contenuta nelle foglie, vi è acqua a sufficienza per portare a cottura le vostre cime di rapa.

Per cui, se avete la fortuna di reperire la materia prima giusta come al punto 1), impegnatevi ad attuare il punto 2), che psicologicamente non è mica facile (anni passati ad aggiungere acqua, e poi “chissà perchè non mi vengono come le fa mamma??”).

Tutto qua.

Ovviamente – e qui lo dico e qui lo nego, io lo faccio spesso – se non avete le cime di rapa come si deve, o i friarielli, la tecnica di cottura si può applicare lo stesso, considerando che se non sono ugualmente tenere, ci vorrà un tempo di cottura maggiore, e quindi magari ci sarà bisogno di aggiungere un pochino di acqua. Non saranno cime di rape stufate, ma un contorno molto gustoso, comunque.

 

CIME DI RAPE STUFATE

Per 3/4 persone

1,5 kg di cime di rape

Olio extravergine di oliva

mezzo peperoncino

un grosso spicchio d’aglio, o due piccoli

sale

Pulite le cime di rape tenendo solo le cime e le foglie (eliminate le foglie più dure): fate un taglietto a croce sulla base delle cimette più grandi, in modo che cuociano uniformemente.

Lavatele accuratamente sotto l’acqua corrente, poi scolatele in un colapasta.

In una pentola capiente fate soffriggere dolcemente gli spicchi d’aglio e il peperoncino nell’olio, poi aggiungete le cime di rape, salatele, mescolate con un cucchiaio di legno e coprite con un coperchio. Lasciate cuocere a fiamma bassa per circa venti minuti, mescolando ogni tanto (dopo 5 minuti il volume si sarà già molto ridotto).

Le cime di rape devono essere morbide, e ben appassite.

Print Friendly

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>